testata Home
 HOMEPAGE

COMUNE POPOLAZIONE ATTI AMMINISTRATIVI CITTA' E CULTURA TRADIZIONI VIVERE A FURTEI INFORMAZIONI TURISTICHE SERVIZI


Posta Elettronica Certificata
Relazione di inizio mandato
Relazione di fine mandato
Amministrazione Trasparente
Anagrafe online
BDAP
IMU TASI
I.U.C.
Albo Pretorio Storico
Pubblicazioni di Matrimonio
SUAPE
Sardegna Impresa
Rassegna Stampa
ORIGINI DI FURTEI

Pianura


L'attuale paese, d'origini Medioevali (regione storica della Valenza-Marmilla), sito a m. 90 s.l.m. (26,12 Kmq.), conta 1.724 abitanti ed è facilmente raggiungibile percorrendo la SS. 197 per 4 Km. dopo il bivio di Villasanta (SS. 131 Km. 40), in direzione Barumini.
Il nucleo originario risale al 1290 ca. mentre il toponimo, verosimilmente d'origine prelatina, è attestato a partire dal 1341 (ecclesie de Frutey calaritane diocesis), ma le interpretazioni sul suo significato sono alquanto incerte.

Nonostante l'assenza, allo stato attuale delle ricerche, di vestigia prenuragiche, la costante antropizzazione del territorio è un fenomeno acclarato: l'attestano diversi nuraghi Cummossariu, Bangius, Sa Conca Manna, Monte Cresia, Noraxiais e Su Bruncu 'e su senzu e le tracce d'antiche civiltà ritrovate nelle località: S. Salvatore e Su Bruncu 'e su testivigliu.

Poche sono le testimonianze puniche (località Santu Brai), scarsissime le vestigia romane, delle quali resta solo un antico ponte in pietra nelle vicinanze del paese.

Non poche sono invece quelle d'epoca giudicale e aragonese che ci presentano Furtei come un paese di una certa importanza. Insieme ai paesi della Curatoria di Nuraminis, Furtei fu conteso fra i Giudicati d'Arborea e Cagliari, al quale storicamente afferiva.
Con la caduta di quest'ultimo nel 1258 veniva assegnato all'Arborea, almeno per un quarantennio, quando Mariano II de Bas Serra, lo lasciò (insieme con altri territori) al Comune di Pisa.

Con la dominazione aragonese, Furtei, fu data in feudo nel 1358 a G. Bertrando de Torrente. 

Quando gli Aragonesi convocarono a Cagliari il primo parlamento, Furtei, che già godeva di privilegi e franchigia inviò i suoi rappresentanti, poi, nel 1414, venne formata la Baronia di Furtei, che venne concessa a Michele Sanjust. Il paese rimase ai Sanjust sino al 1839, anno in cui venne riscattato.

Oggi Furtei è comunemente noto per le miniere d'oro.

Carattere = A A A

Data Protection Officer 2019
Servizi erogati
Elezioni Europee 2019
Elezioni Regionali 2019
Sportello al cittadino
Biblioteca
ASPAL
Portalitu lingua sarda
Ufìtziu lìngua sarda
Furtei / Segariu - Storia di due comuni
Tavole genealogiche
AVIS Comunale di Furtei
Il giornale della Parrocchia


Accessibilita' del sito

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!
 

Costituzione Italiana Governo Italiano Unione Europea Gazzetta Ufficiale Servizi dell'Amministrazione digitale Digit PA Comuni Italiani Servizi per la Pubblica Amministrazione